Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Percorsi di ricerca - Research M Inserimento Marzocchi Virginio

Marzocchi Virginio

Nome e Cognome

Virginio Marzocchi

Posizione attuale

Professore straordinario 1. fascia del SSD Filosofia politica (SPS/01)

Sede universitaria: «Sapienza» - Università di Roma: Facoltà di Filosofia.

Insegnamento

Filosofia politica e sociale (Laurea triennale e Laurea specialistica)

Aree di ricerca

Filosofia politica contemporanea, analisi dei concetti politici, storia della filosofia politica

Argomenti di ricerca in corso (carattere nazionale)

Democrazia deliberativa, laicità, conflitto

Partecipanti al progetto di ricerca:

prof. Virginio MARZOCCHI – professore straordinario di Filosofia politica

dott. Mariano CROCE – docente a contratto di Filosofia del diritto

dott. Andrea SALVATORE – dottorando

1. Sintesi del progetto di ricerca in corso:

DEMOCRAZIA DELIBERATIVA, LAICITÀ, CONFLITTO

L'intenzione che anima la ricerca è quella di indagare il nesso che lega la democrazia deliberativa al conflitto e alla laicità. L'ipotesi è che vi sia una strutturale omologia fra la ricerca intorno alla democrazia deliberativa e quella intorno alle questioni della laicità e del conflitto. Laicità e conflitto, entro questa impostazione di discorso, appaiono infatti come elementi essenziali nel quadro di un processo democratico che non si riduca, come vuole la tenace tradizione schumpeteriana, a un mero processo di selezione di preferenze già date nella società civile o a un processo di aggregazione di interessi divergenti. Al contrario, si tratta di approfondire una interpretazione della democrazia come scambio comunicativo fra gli individui tale da condurre alla costante revisione e ristrutturazione delle preferenze e degli interessi dati nel mondo sociale. Nel dibattito contemporaneo è il paradigma di "democrazia deliberativa", avanzato prima da Habermas e poi da numerosi altri studiosi (Amy Guttman, James Bohman, James Fishkin, Cass R. Sunstein etc.), ad essersi posto come una delle ipotesi teoriche maggiormente in grado di connettere il pluralismo di interessi e valori, costitutivo della modernità, con il potenziale di universalizzazione contenuto nella comunicazione democratica. La ricerca si propone in primo luogo di tracciare una ricognizione di questo dibattito e di proporre alcune linee di sviluppo.

L'obiettivo della ricerca, inoltre, è soprattutto quello di proporre una riflessione circa il rapporto fra questo orizzonte democratico-deliberativo, capace di ospitare "laicità" e conflitto, e le questioni sollevate dal processo di costruzione dell'Unione Europea, ovvero di mettere alla prova le potenzialità del paradigma democratico-deliberativo rispetto all'impasse che vive oggi la vicenda di "costituzionalizzazione" dell'Unione Europea.

D'altro canto, ci pare che, in ordine al raggiungimento di questo obiettivo, il paradigma democratico-deliberativo debba essere adeguatamente rafforzato e arricchito. La ricerca dovrebbe impegnarsi, infatti, a sviluppare appieno le capacità critiche della democrazia deliberativa, determinando meglio, per così dire, il suo carattere "controfattuale" rispetto allo stato vigente degli assetti democratici.

Per quanto riguarda la questione dell'identità politica europea, l'ipotesi è che la storia e il carattere dell'Europa non sia riconducibile che a una "tessitura", come dice Siedentop, di realtà ed esperienze che sono entrate in conflitto e hanno via via trovato i mezzi istituzionali entro i quali "civilizzare" il conflitto stesso. Dalle guerre di religione alle lotte del movimento operaio per dare cittadinanza e riconoscimento al lavoro, così come dalle lotte per l'estensione e l'allargamento della democrazia alla "scoperta" della cecità degli assetti istituzionali rispetto al punto di vista del genere femminile, l'Europa ha sperimentato periodiche ondate di democratizzazione che l'hanno costretta a riformulare tanto l'autocomprensione quanto le pratiche della propria forma politica. L'interpretazione originaria della democrazia è stata, così, progressivamente trasformata. In ognuna di queste ondate, la democrazia ha scoperto di non potersi dare all'infuori di un permanente processo di apprendimento che la sottragga a ogni definizione "sostanzialistica". All'interno del paradigma democratico-deliberativo, l'obiettivo della ricerca è pertanto quello di lavorare a una teoria che valorizzi massimamente questo carattere costitutivamente conflittuale e aperto della democrazia.

A questa impostazione si connettono alcune questioni che la ricerca dovrà affrontare:

a) indagare se la democrazia rappresenti una sorta di "destino" dell'Occidente, al godimento della quale, come sostengono le posizioni relativistiche, possono difficilmente partecipare altre formazioni culturali (cfr. Huntington 1996), oppure se essa possa proficuamente subire processi di "inculturazione" in altri contesti economico-sociali e civili, come ha avuto modo di argomentare Sen nel corso della controversia apertasi intorno alla congruenza fra asian values e democrazia (sull'incompatibilità fra asian values e democrazia cfr. Huntington 1991; contra oltre Sen 2004 almeno Friedman 2002, Monceri 2002, Wood 2004, Ackerly 2005, Bell 2006, Reilly 2006);

b) interrogarsi se, una volta giustificato il potenziale universalistico della democrazia, occorra estendere quest'ultima in maniera impositiva o, al contrario, scommettere sulla feconda e innovativa fusione del contenuto universale dei diritti democratici con modi particolari e giuridicamente e istituzionalmente peculiari di interpretarlo;

c) aggiornare e arricchire il quadro dei modelli teorici (multilevel citizenship, global public opinion, global civil society etc.) finalizzati alla fondazione di una cittadinanza cosmopolitica e di istituzioni trans-nazionali democraticamente legittimate.

Riferimenti bibliografici


Balibar E. [2003], L'Europe, l'Amerique, la guerre, La Découverte, Paris 2003, trad. it. Manifestolibri, 2007.

Barry, B. [2002], Culture and Equality: An Egalitarian Critique of Multiculturalism, Harvard University Press, 2002.

Bartolini, S. [2005], Restructuring Europe, Oxford University Press, 2005.

Beck, U. [1986], Risikogesellschaft. Auf dem Weg in eine andere Moderne, Suhrkamp, 1986, trad. it. Carocci, 2000.

Bell, D. A. [2006], Beyond Liberal Democracy. Political Thinking for an East Asian Context, Princeton University Press, 2006.

Benhabib, S. [2002], The Claims of Culture: Equality and Diversity in the Global Era, Princeton University Press, 2002.

Berezin, M. - Schain, M. (eds.) [2003], Europe without Borders: Re-Mapping Territory, Citizenship and Identity in a Transnational Age, John Hopkins University,

2003.

Bohman, J. [2000], Public Deliberation. Pluralism, Complexity, and Democracy, MIT Press, 2000.

Bronzini G., Friese H., Negri A., Wagner P. (a cura di ) [2003], Europa, costituzione e movimenti sociali, Manifestolibri, 2003.

Calhoun, C. [2003], The Democratic Integration of Europe: Interests, Identity, and the Public Sphere, in Berezin - Schain 2003, pp. 243-280.

Cerutti, F. - Ragionieri, R. (eds.) [2001], Identities and Conflicts. The Mediterranean, Palgrave, 2001.

- [2001], Political Identity and Conflict: A Comparison of Definitions, in Cerutti - Ragionieri 2001, pp. 7-25.

- [2005], Constitution and Political Identity in Europe, in Liebert Liebert, U. (ed.), Postnational Constitutionalisation in the Enlarged Europe: Foundations, Procedures, Prospects, Nomos, 2005.

Cerutti, F., - Lucarelli, S. (eds.) [2008], Political Identity and Legitimacy of the European Union, London: Routledge, in via di pubblicazione 2008.

Dryzek, J. S. [2006], Deliberative Global Politics: Discourse and Democracy in a Divided World, Polity Press, 2006.

Fishkin, J. F. - Laslett P. (eds.) [2003], Debating Deliberative Democracy, Blackwell, 2003.

Friedman, E. [2002], On Alien Western Democracy, in Kinnwall - Joensson 2002, pp. 53-72.

Gutmann, A. [2004], Why Deliberative Democracy, Princeton University Press, 2004.

Habermas, J. , Zeit der Ubergänge. Kleine Politische Schriften IX, Suhrkamp, 2001, trad. it. Feltrinelli, 2004.

- [2004], Der gespaltene Westen, Suhrkamp, 2004, trad. it. Laterza, 2005.

Haseler, S. [2004], Super-state: The New Europe and its Challenge to America, Palgrave Macmillan, 2004.

Huntington, S. [1991], The Third Wave. Democratization in the Late Twentieth Century, University of Oklahoma Press, 1991.

- [1996], The Clash of Civilization and the Remaking of World Order, Simon & Schuster, 1996.

Jones, E. [1998], Economic and Monetary Union: Playing with Money, in Moravcsik 1998, pp. 59-93.

Kinnwall, C. - Joensson, K. (eds.) [2002], Globalization and Democratization in Asia. The construction of identity, Routledge, 2002.

Lijpart, A.[1999], Patterns of Democracy: Government Form and Performance in Thirty-Six Countries, Yale University Press, 1999, trad. it. il Mulino, 2001.

Majone, G. [1998], State, Market, and Regulatory Competition in the European Union: Lessons for the Integrating World Economy, in Moravcsik 1998, pp. 94-123.

Marzocchi, V., Petrucciani S. eds. [2004], Democrazia e diritti nell'età globale, Manifestolibri, 2004.

Monceri, F. [2002], Altre globalizzazioni. Universalismo liberal e valori asiatici, Rubbettino, 2002.

Moravcsik, A. (ed.) [1998], Europe Facing the Challenge of Deepening, Diversity, and Democracy, A Council on Foreign Relations Book, 1998.

- [1998], Europe's Integration at Century's End, in Moravcsik 1998, pp. 1-58.

- [2002], In Defence of the "Democratic Deficit": Reassessing Legitimacy in the European Union, in "Journal of Common Market Studies", 40(4), pp. 603-624.

Mouffe, C. [2000], The Democratic Paradox, Verso, 2000.

Olsen, P. J. [2004], Survey Article: Unity, Diversity and Democratic Institutions: Lesson from the European Union, in "Journal of Political Philosophy", 12(4), pp.

461-495.

Reilly, B. [2006], Democracy and Diversity: Political Engineering in the Asia-Pacific, Oxford University Press, 2006.

Sen, A. [2004], La democrazia degli altri, trad. it. Mondadori, 2004.

Scharpf, F. [1999], Governing in Europe. Effective and Democratic, Oxford University Press, 1999.

Schmidt, V. [2006], Democracy in Europe: The EU and National Polities, Oxford University Press, 2006.

Siedentop, L. [2001], Democracy in Europe, Columbia University Press, 2001, trad. it. Einaudi, 2001.

Sunstein, C. [2003], Why Societies Need Dissent, Harvard University Press, 2003.

Telò, M. [2004], L'Europa potenza civile, Laterza, 2004.

Therborn, G. [1995], European Modernity and Beyond. The Trajectory of European Societies 1945-2000, Sage, 1995.

Weiler, J.H.H. et al. [1995], European Democracy and Its Critique, in "West European Politics",18(3), pp. 4-39.

Wood, A. T. [2004], Asian Democracy in World History, Routledge, 2004.

2. Pubblicazioni dei partecipanti al progetto di ricerca


Prof. Virginio MARZOCCHI

(2000) «Le ragioni della critica», Filosofia e questioni pubblicbhe. vol. 5, pp. 197-208 ISSN: 1591-0660.

(2000) Per un'etica pubblica: giustificare la democrazia, (pp. 301), Liguori, Napoli 2000.

(2001) «Esiste un punto di vista normativo nella filosofia sociale?», in M. Calloni – A. Ferrara – S. Petrucciani, Pensare la società. L'idea di una filosofia sociale, Carocci, Roma 2001, pp. 87-101.

(2001) Ragione come discorso pubblico. La trasformazione della filosofia di K.-O. Apel (pp. 478), Liguori, Napoli 2001.

(2001) «K.-O. Apel e la filosofia pratica di Kant», in G.M. Chiodi – G. Marini – R. Gatti, La filosofia politica di Kant, Franco Angeli, Milano 2001, pp. 189-192.

(2001) «Per una lettura critica di "Fatti e norme"», La Cultura, vol. 39, pp. 465-502 ISSN: 0393-1560.

(2002) «I diritti umani dalla prospettiva dell'etica del discorso», La Cultura, vol. 40, pp. 313-322 ISSN: 0393-1560.

(2002) Introduzione e cura, in G.B. Clemente, Svolta linguistica o fondazione ultima? Una decostruzione del pensiero di Karl-Otto Apel, Franco Angeli, Milano 2002, pp. 9-30.

(2004) «Dai diritti ai diritti umani nel mondo local-globale», in V. Marzocchi – S. Petrucciani (curr.), Democrazie e diritti nell'età globale, Manifestolibri, Roma 2004, pp. 37-78.

(2004) «I"diritti" umani/fondamentali e il paradigma occidentale della "legge"», Fenomenoogia e società, vol. 27, pp. 29-43 ISSN: 0394-2759.

(2004) «Sacro, religione e democrazia», Filosofia e questioni pubbliche, vol. 8, pp. 251-264 ISSN: 1591-0660.

(2004) Le ragioni dei diritti umani (pp. 1-238), Liguori, Napoli 2004. ISBN: 88-207-3700-0.

(2004) (co-curatore, insieme a S. Petrucciani) Democrazia e diritti nell'età globale (pp. 1-160), Manifestolibri, Roma 2004. ISBN: 88-7285-408-3.

(2006) «Stato e democrazia, fedi e Chiese», Fenomenologia e società, vol. 29, pp. 25-46 ISSN: 0394-2759.

(2007)«The Regulative Idea of Foundation as an Enabling Condition for Theoretical and Practical Criticism», in M. Borrelli, M. Kettner (curr.), Filosofia trascendentalpragmatica – Transzendentalpragmatische Philosophie. Scritti in onore di K.-O. Apel per il suo 85° compleanno, Pellegrini Editore, Cosenza 2007.

(2007) «Per un’etica post-convenzionale della responsabilità», in F. Bianco, M. Zanatta (curr.), Responsabilità e comunità, Pellegrini Editore, Cosenza 2007, pp. 219-243.

Dott. Mariano CROCE

(2006) «Visioni del mondo e costituzione dei soggetti: religioni e deliberazione pubblica», in Fenomenologia e società, n. 3, 2006, pp. 3-24.

(2006) Recensione del testo V. Marzocchi, Le ragioni dei diritti umani, Liguori, Napoli 2004 in Iride, n. 47, Aprile 2006.

(2005) «La democrazia come reciproco processo di apprendimento: procedure giuridiche e diritti umani», in Ragion Pratica, n. 24, Giugno 2005.

(2004) «Oltre la democrazia nazionale. Una risposta democratica alla crisi della democrazia», in V. Marzocchi – S. Petrucciani (curr.), Democrazia e diritti nell’età della globalizzazione, Manifestolibri, Roma 2004.

(2004) Traduzione in italiano del saggio di K.-O. Apel, «May a Political Conception of “Overlapping Consensus” Be an Adequate Basis for Global Justice?», pubblicato in V. Marzocchi – S. Petrucciani (curr.), Democrazia e diritti nell’età della globalizzazione, cit., con il titolo: «Può una concezione politica del “consenso per intersezione” costituire una base adeguata per la giustizia globale?».

In corso di pubblicazione:

«I mutamenti del “politico” e il costituirsi dello Stato»

«Ethical Substance and the Coexistence of Normative Orders» (in collaborazione col dott. Andrea Salvatore)

«Legality and Legitimacy of Exporting Democracy» (in collaborazione col prof. Daniele Archibugi)

La conquista dello spazio giuridico. Potere statale e amministrazione della giustizia (tesi di dottorato), Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli.

Sfere di dominio. Democrazia e potere nell’era globale (tesi di dottorato).

Dott. Andrea SALVATORE

(2007) «Carl Schmitt e René Girard: un confronto», Behemoth, vol. 22 (2007), pp. 43-47.

(2007) «La teoria della guerra giusta di Michael Walzer», Fenomenologia e società, vol. 30 (2007), 2, pp. 95-114;

(2006) «Michael Walzer e il presunto trionfo della teoria della guerra giusta», Behemoth, n.39 (2006), pp. 13-22;

(2006) «Schmitt e la teoria della guerra giusta», Behemoth, n. 40 (2006), pp. 5-15;

In corso di pubblicazione:

«Il pacifismo è un'alternativa valida?», Fenomenologia e società.

«Ethical Substance and the Coexistence of Normative Orders» (in collaborazione col dott. Mariano Croce).

 

Azioni sul documento