Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Didattica - Teaching Corsi Corsi anno accademico 2003-2004 MAZZU' Domenica

MAZZU' Domenica

DIRITTO E POTERE NELLE TRAGEDIE DI SOFOCLE Università di Messina

nome
cognome
indirizzo
e-mail
sito web
Domenica
MAZZU'
via Ducezio, 13 Residence 74, Messina
dmazzu@unime.it
http://ww2.unime.it/symbolon
università
cattedra
facoltà
corso di laurea
dipartimento
Messina
Filosofia politica
Scienze Politiche
Scienze politiche
Studi politici e sociali V. Tomeo
corsi
università
facoltà
corso di laurea
dipartimento
anno accademico
Messina
Scienze Politiche
Scienze politiche
Studi politici e sociali V. Tomeo
2003-2004
titolo
insegnamento
laurea
DIRITTO E POTERE NELLE TRAGEDIE DI SOFOCLE
Filosofia politica
non specificata
testi
SOFOCLE, Antigone, Edipo Re, Edipo a Colono, BUR, Milano, 1996; D. MAZZU', Il complesso dell'usurpatore, Giuffrè, Milano, 1999; L. STRAUSS - J. CROPSEY, Storia della filosofia politica, vol. II, Il melangolo, Genova.
contenuti
Il corso affronta le dinamiche soggiacenti alla relazione tra diritto e potere. In particolare tale relazione è analizzata attraverso una lettura mitico-simbolica delle tragedie sofoclee: Edipo Re, Edipo a Colono, Antigone. Il viaggio di Edipo inizia come fuga per risolversi in erranza senza ritorno. È un viaggio esistenziale su quella “antica via degli empi” che dalla grandezza conduce inesorabilmente alla rovina, allo “spavento” . La vicenda di Edipo, quindi, viene presa come esempio paradigmatico di un potere che privo di sapienza e saggezza diventa cieco e smemorato. Una vicenda che conduce l'eroe, sia come re che come essere umano, alla rovina. Edipo, eroe del sapere e della potenza, diventa il signore del caos che prefigurava la Sfinge. Cieco alla realtà quando i suoi occhi vedevano, egli scopre invece le trame del destino nel momento stesso in cui la sua vita si spegne nel boschetto di Colono. Già nell’etimologia del nome, Edipo (oidos-pous/oida-pous) cela una fatale “duplicità nell’unità” che ne fanno il simbolo radicale dell’intera condizione umana, come inestricabile intreccio tra identità/alterità. Il corso trova la sua conclusione nella vicenda dell'ultima discendente della stirpe dei Labdacidi. Le più note interpretazioni della tragedia, nonchè lo stesso testo sofocleo, si intrecciano con i principali esponenti del pensiero politico.
Azioni sul documento