Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Didattica - Teaching Corsi Corsi anno accademico 2003-2004 BESUSSI Antonella

BESUSSI Antonella

ETICA PUBBLICA - LIBERTÁ Università di Milano

 

nome

cognome

indirizzo

e-mail

sito web

Antonella

BESUSSI

 

antonella.besussi@unimi.it

 

università

cattedra

facoltà

corso di laurea

dipartimento

Università degli Studi di Milano

Filosofia politica

Scienze Politiche

SOC

Studi sociali e politici

corsi

università

facoltà

corso di laurea

dipartimento

anno accademico

Università degli Studi di Milano

Scienze Politiche

SOC

Studi sociali e politici

2003-2004

titolo

insegnamento

laurea

ETICA PUBBLICA - LIBERTÁ

Etica pubblica

triennale

testi

TESTI PER I FREQUENTANTI: I.BERLIN, Due concetti di libertà, Milano, Feltrinelli 2000: W.B. GALLIE, Essentially contested concepts in Proceedings of the Aristotelian Society 56, 1955-56 (distribuito nel corso): AA.VV., L’idea di libertà, introduzione e cura di I. Carter e M. Ricciardi, Milano, Feltrinelli 1996 (i saggi di Gray, Taylor, Cohen). TESTI PER I NON FREQUENTANTI: I.BERLIN, Due concetti di libertà, Milano, Feltrinelli 2000: AA.VV., L’idea di libertà, introduzione e cura di I. Carter e M.Ricciardi, Milano, Feltrinelli 1996 (per intero).

contenuti

A partire da una distinzione classica proposta da Isaiah Berlin tra libertà negativa e libertà positiva si esaminerà la cosiddetta “contestabilità essenziale” dei concetti politici, e di quello di libertà in particolare per poi soffermarsi su alcuni esiti teorici interessanti di una centralità della libertà negativa e di quella positiva. Leggendo il testo di Berlin, si individueranno anzitutto scopi e significati della distinzione in esso proposta tra tipi di libertà. In particolare, si cercherà di mostrare che ridurre la distinzione tra libertà negativa e libertà positiva a una distinzione tra “libertà da” e “libertà di” significa semplificarla, e ignorare il carattere apertamente polemico che Berlin le attribuisce. Si passerà successivamente a definire il carattere “essenzialmente contestato” del concetto di libertà, vale a dire l’impossibilità di conseguire un accordo su una sua corretta definizione, prendendo in esame anche possibili obiezioni contro questa conclusione. Infine, ci si confronterà con diverse riletture della tesi di Berlin per mostrare i diversi esiti che possono esserle associati.

Azioni sul documento