Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Didattica - Teaching Corsi Corsi anno accademico 2004-2005 CALLONI Marina

CALLONI Marina

DIRITTI DI CITTADINANZA Università degli Studi di Milano Bicocca

 

nome

cognome

indirizzo

e-mail

sito web

Marina

CALLONI

 

marina.calloni@unimib.it

http://www.unimib.it/facolta/sociologia/primo_live

università

cattedra

facoltà

corso di laurea

dipartimento

Università degli Studi di Milano Bicocca

Filosofia Politica e Sociale

Sociologia

 

Sociologia e Ricerca Sociale

corsi

università

facoltà

corso di laurea

dipartimento

anno accademico

Università degli Studi di Milano Bicocca

Sociologia

 

Sociologia e Ricerca Sociale

2004-2005

titolo

insegnamento

laurea

DIRITTI DI CITTADINANZA

Filosofia Politica

triennale

testi

Bibliografia: N. BOBBIO, L’età dei diritti, Torino: Einaudi 1990: A. CASSESE, I diritti umani nel mondo contemporaneo, Roma-Bari: Laterza 2002 (7 ed.). Dispensa con le principali carte/ convenzioni sui diritti umani, a cura della docente. Ulteriori informazioni bibliografiche verranno fornite dalla docente durante le lezioni. Specifiche informazioni bibliografiche verranno inoltre date agli studenti, in relazione all’argomento della tesina da loro scelto.

contenuti

Obiettivi del modulo: L‘idea di diritti umani e di cittadinanza si afferma in Occidente, a partire dalla formazione degli stati moderni e dalla rivoluzione francese. Nonostante i diritti umani e i diritti di cittadinanza vengano unitamente proclamati nella “Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino”, tuttavia fin dall’inizio appare evidente una certa distinzione fra i due. Infatti, mentre i primi si riferiscono a tutti gli esseri umani in quanto tali, i secondi rimandano invece specificamente ai cittadini in quanto appartenenti ad un particolare Stato nazionale o a una comunità politica. A partire da tale connessione e distinzione, il corso ha l’intento da una parte di analizzare le principali carte e convenzioni internazionali sui diritti umani promossi da istituzioni sovra-nazionali quali l’ONU e recentemente dall’Unione Europea. Dall’altra parte intende ricostruire la storia dell’idea di cittadinanza, in relazione alla trasformazione dello stato nazionale e dell’affermazione delle diverse generazioni di diritti (civili, politici, socio-economici, culturali, ambientali e bio-etici.). Una particolare attenzione verrà inoltre riservata ala questione della violazione dei diritti umani e al significato dei diritti umanitari (diritti in tempo di guerra). Il corso intende fornire agli studenti conoscenze base per la comprensione del dibattito teorico, politico e sociale attualmente in corso, soprattutto a proposito della valenza e dei limiti della teoria e della pratica dei diritti tanto nelle democrazie liberali contemporanee, quanto nei paesi in via di sviluppo/ transizione. L’intento è anche quello di offrire elementi normativi e spunti critici, necessari per poter sviluppare ricerche sociologiche in contesti locali e internazionali, e di progettare interventi pubblici in ambiti socio-politici. Durante il corso verranno discussi testi, previamente distribuiti agli studenti. Sono inoltre previsti gruppi di lavoro, a partire dalla trattazione di case studies e di fatti di cronaca. Argomenti del modulo: Modernità, individuo e diritti: Connessione e distinzione fra diritti umani e diritti di cittadinanza: La trasformazione dello Stato nazionale e le diverse generazioni dei diritti di cittadinanza: Organismi sovra-nazionali e carte/ convenzioni sui diritti umani: Violazioni dei diritti umani: Diritti umanitari: Le tensioni tra cittadinanza politica, cittadinanza sociale e giustizia cosmopolitica. Valutazione: L’esame verterà sulla discussione orale di una relazione scritta di circa 30.000 battute (15 pagine) e su una valutazione della conoscenza complessiva degli argomenti trattati durante il corso. L’argomento di tale elaborato dovrà essere previamente concordato con la docente. È possibile svolgere una sola tesina per entrambi i moduli di filosofia politica e di filosofia delle scienze sociali della lunghezza di circa 60.000 battute, secondo le modalità sopra descritte.

Azioni sul documento