Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Didattica - Teaching Corsi Corsi anno accademico 2004-2005 BESUSSI Antonella

BESUSSI Antonella

ETICA PUBBLICA - TERRORISMO Università di Milano

 

nome

cognome

indirizzo

e-mail

sito web

Antonella

BESUSSI

 

antonella.besussi@unimi.it

 

università

cattedra

facoltà

corso di laurea

dipartimento

Università degli Studi di Milano

Filosofia politica

Scienze Politiche

SAM, APP, SOC

Studi sociali e politici

corsi

università

facoltà

corso di laurea

dipartimento

anno accademico

Università degli Studi di Milano

Scienze Politiche

SAM, APP, SOC

Studi sociali e politici

2004-2005

titolo

insegnamento

laurea

ETICA PUBBLICA - TERRORISMO

Etica pubblica

specialistica

testi

TESTI PER I FREQUENTANTI: G. BORRADORI, Filosofia del terrore. Dialoghi con Jurgen Habermas e Jacques Derrida, Bari Laterza, 2003: M. WALZER, La libertà e i suoi nemici nell’età della guerra al terrorismo, Bari Laterza, 2003: A. DERSHOWITZ, Terrorismo. Capire la minaccia, rispondere alla sfida, Roma, Carocci, 2003. TESTI PER I NON FREQUENTANTI: Gli stessi dei frequentanti con l’aggiunta di un testo a scelta tra i seguenti: C. TOWNSHEND, La minaccia del terrorismo, Bologna Il Mulino 2004: B. BAUDRILLARD, Lo spirito del terrorismo, Milano, Cortina 2002. TESTI PER UN SOLO MODULO: G. BORRADORI, Filosofia del terrore. Dialoghi con Jurgen Habermas e Jacques Derrida, Bari, Laterza 2003: M. WALZER, La libertà e i suoi nemici nell’età della guerra al terrorismo, Bari, Laterza 2003

contenuti

Con l’11 settembre 2001 il terrorismo è diventato una presenza vistosa e ingombrante nella vita pubblica contemporanea. L’obiettivo formativo del corso è esplorare teoricamente contorni e significato di questa presenza: sia per indagare come la responsabilità interpretativa di alcuni importanti intellettuali pubblici del nostro tempo l’ha percepita sia per identificare quali problemi inediti essa pone relativamente alla tensione tra sicurezza e libertà, tra sicurezza e governo della legge. Dopo il totalitarismo il terrorismo non solo costituisce il caso-chiave sul quale è possibile mettere alla prova la capacità delle teorie di misurarsi con la contingenza storica e politica, ma la sfida più radicale alla tenuta normativa della forma di vita liberaldemocratica: nella risposta a questo caso emergono così diversi criteri di etica pubblica che è possibile mettere a confronto. PRIMO MODULO - Leggere l’11 settembre (20 ore, 3 crediti):Si esamineranno due differenti letture dell’11 settembre, quella di Jurgen Habermas e quella di Jacques Derrida, letture che è interessante comparare per la netta divergenza di prospettiva e di vocabolario che le specifica, ma che rappresentano, ciascuna a suo modo, l’assunzione di una responsabilità interpretativa che accetta di fare i conti con l’eredità critica dell’illuminismo. SECONDO MODULO - Terrorismo: tra sicurezza e libertà, tra sicurezza e governo della legge (20 ore ,3 crediti): Sollevare il problema di quali disincentivi e deterrenti siano efficaci nei confronti del terrorismo significa anche sollevare il problema se il terrorismo ponga problemi di tenuta democratica, per esempio facilitando la limitazione delle libertà fondamentali, l’aumento della sorveglianza, la messa in questione dei diritti civili di chi è diventato potenzialmente pericoloso, e trattamenti arbitrari di chi è detenuto come prigioniero di guerra. Anche qui ci si confronterà con due risposte differenti a questo insieme di problemi, quella di Michael Walzer, che propone un ragionevole compromesso tra libertà e sicurezza, così come tra sicurezza e governo della legge, e quella di Alan Dershowitz che suggerisce invece sulle stesse questioni un approccio più drastico e meno negoziale.

Azioni sul documento