Strumenti personali
Tu sei qui: Portale
rivista.gif

Articoli, libri e interviste - Articles, books and interviews

Felicità italiane - Introduzione
a cura Dimitri D'Andrea, Enrico Donaggio, Elena Pulcini, Gabriella Turnaturi - 15 febbraio 2017

Questo non è l’ennesimo libro sulla felicità, completo - come tanti altri che affollano le librerie - di istruzioni per l’uso. Risultato di un lungo lavoro e di un’intensa discussione tra filosofi di diverse generazioni, non dà consigli per essere felici, né cerca di definire cosa sia la felicità. Si chiede invece dove la si cerca. In particolare, in quali ambiti la cercano gli italiani. In diciassette brevi saggi viene presentato un campionario, non esaustivo ma accuratamente selezionato, di ciò che oggi ci rende felici. Dall’amore alla religione, dalla moda alla politica, dal cibo allo smartphone, dalla casa agli psicofarmaci, per citare solo alcuni dei temi affrontati, il libro offre uno scenario prismatico delle nostre aspettative di felicità che, tra stereotipi e novità, si rivela non privo di sorprese.
Il Rousseau di Augusto Del Noce
Roberto Gatti - 16 gennaio 2017

Le dispense del corso che Del Noce dedicò, nell'anno accademico 1978-'79, alla filosofia rousseauiana (ora in volume a cura di Salvatore Azzaro: Augusto Del Noce, Rousseau. Il male, la religione, la politica, La Scuola, Brescia 2016) consentono qualche approfondimento e permettono anche di sottolineare aspetti che integrano l'interpretazione tracciata ne Il problema dell'ateismo. Due punti vanno prioritariamente posti in evidenza. Il primo concerne l'analisi del concetto rousseauiano di "natura". Il secondo punto riguarda alcune precisazioni sul significato del peccato originale nel pensiero di Rousseau.
Noterelle sul “vero individualismo” hayekiano
Raimondo Cubeddu - 13 marzo 2017

The essay aims to reconstruct the birth and the evolution of Hayek's idea of True Individualism from Mandeville to Popper and its relevance for the Hayekian project of a reconstruction of Liberalism by means of a combination of Scottish Enlightenment and Austrian School. Hayek identifies the focus of the Individualist Tradition with the theory of the unintended origins of social institutions. However, regarding this origin, Menger criticizes Smith's theory and thinks that it leads to socialism. Hayek is silent about this critique. To understand the reasons of this silence, the author reconstructs the Hayekian thesis, analyzing all his works, and also through an investigation of: 1. Menger's critique of Smithian theory of change and of price and of its relation with the theory of institutions and with the role played by the Invisible Hand; 2. an analysis of the influence of Burke and Savigny on Menger concerning the concept and the rise of Law and its relationship with Legislation. The thesis maintains that in order to explain the rise and the development of social institutions as unintended result of human actions, Austrian theory does not need any Invisible Hand.

bottonearchivo.jpg

                   

Recensioni - Reviews

Rahel Jaeggi, Forme di vita e capitalismo,
a cura di Marco Solinas, Rosenberg&Sellier, Torino 2016, pp. 165.

Recensione a cura di Gianluca Cavallo.

Il volume, a cura di Marco Solinas, raccoglie cinque saggi, pubblicati dall’autrice tra il 2005 e il 2015. Esso testimonia la continuità e l’evoluzione di un progetto di ricerca ancora aperto, che stimola la riflessione più di quanto fornisca tesi definitive.

Luca Basso, Inventare il nuovo. Storia e politica in Jean-Paul Sartre
Ombre Corte, verona 2016, pp. 268.

Recensione a cura di Natascia Tosel

Jean-Paul Sartre, nonostante sia un autore a dir poco fondamentale all'interno del panorama filosofico del '900, sembra essere ormai divenuto pressoché assente nel dibattito politico contemporaneo. Certamente è un nome che si sente ancora citare spesso, ma oggi lo si fa, per lo più, per richiamare alla mente delle immagini del tutto stereotipate del filosofo francese: Sartre l'esistenzialista, il marxista, l'umanista, “l'ultrabolscevico”, per riprendere l'espressione con cui lo definì Merleau-Ponty. Il testo di Luca Basso è un coraggioso tentativo di andare oltre tutti questi clichés e di tornare a leggere davvero Sartre, per metterne in luce tutta la sua potenza teorica, senza per questo negare il carattere a tratti problematico della sua filosofia.
Rosi Braidotti, Per una politica affermativa. Itinerari etici
traduzione e cura di Angela Balzano, Mimesis, Milano-Udine 2017, pp. 162.

Recensione a cura di Laura Sugamele.

Il tentativo di rifuggire da una crisi che sembra oltre che esistenziale anche simbolica e culturale, si connette al termine di nomadismo, che nel pensiero di Braidotti lega l’argomento filosofico-politico a quello teorico femminista, allorché ripensare il vissuto individuale incardinato all’interno di assi sociali strutturate non può prescindere dalla possibilità di ripensare il soggetto come entità mobile e dinamica disancorandolo da forme identitarie fisse.

bottonearchivo.jpg


            
associazione.gif

Sifp

Criteri Gruppo di Esperti della Valutazione dell’Area 14
Questo documento descrive l'organizzazione del Gruppo di Esperti della Valutazione dell’Area 14 (d'ora in poi, GEV14) e i criteri che il Gruppo utilizzerà per valutare i prodotti di ricerca. Il documento si divide in 6 parti.
Lo statuto
Art. 1 - Finalità

La Società Italiana di Filosofia Politica promuove gli studi e la conoscenza della Filosofia Politica. A questo scopo prende le iniziative ritenute utili e opportune, organizza un congresso a cadenza biennale, studi, dibattiti, convegni, seminari su argomenti scientifici e su questioni didattiche e organizzative con la partecipazione di studiosi e docenti italiani e stranieri, collabora con istituzioni e associazioni culturali pubbliche e private.
Presentazione
La Società Italiana di Filosofia Politica intende diffondere la conoscenza dei vari indirizzi e prospettive della filosofia politica italiana attraverso la costruzione di una rete di connessioni tra i suoi membri e con l'estero.
La Società intende altresì fornire informazioni riguardanti le iniziative culturali, i corsi, i seminari afferenti alla materia.

Criteri Anvur: il documento definitivo sifp

Pubblichiamo e mettiamo a disposizione di chi vorrà leggerla la versione definitiva del documento sui criteri ANVUR di valutazione delle ricerche, elaborato dalla commissione che era stata a ciò delegata dall’Assemblea della SIFP del 19 maggio.


Per consultare il documento, cliccare qui:


Iconapdf.jpg
Azioni sul documento